Skip to content
onda-parziale-inferiore-600-px-gradiente-.png

Carriere a confronto: colletti vs networker

Colletti bianchi, blu e networker: qual’è l’impiego migliore?

All’interno di una società solida c’è bisogno che più persone diano il loro contributo seguendo carriere differenti.

Va da sè però che una carriera piuttosto che un’altra può risultare più o meno profittevole.

Qual è la professione migliore da svolgere in Italia? Colletti bianchi, blu o networker? Quali sono le differenze? .

Colletti blu: carriera?

In primo luogo definiamo i colletti blu che sono tutti quei lavoratori che fanno parte della categoria “manuale”.

Si tratta della forza lavoro che muove un Paese, coloro che sono impiegati nelle fabbriche o nei campi e che svolgono soprattutto lavori manuali.

Il colore blu è collegato alle divise spesso indossate da queste persone. Rispetto ai colori chiari, il blu riesce a coprire meglio le macchie di olio o terreno tipiche delle azioni svolte dagli operai.

Per entrare a far parte di questa classe di lavoratori non c’è bisogno di una grande preparazione scolastica ma il salario purtroppo non è molto alto.

La questione peggiore però è relativa all’avanzamento di carriera, infatti anche con molti anni di esperienza o con l’acquisizione di qualifiche specifiche, sostanzialmente è praticamente impossibile crescere dal punto di vista professionale e salariale.

Colletti bianchi: carriera…

I colletti bianchi sono invece tutti i dipendenti che svolgono un lavoro di ufficio.

Solitamente si tratta di funzionari, manager o professionisti che ricevono uno stipendio a fine mese commisurato alle prestazioni svolte.

Il colore bianco è collegato alle camice che tali individui indossano e la loro divisa è composta da abiti formali come pantalone e camicia, anche se sempre più spesso si sta optando per t-shirt e felpa.

Non svolgono lavori in cui è richiesto l’impiego della forza ma si basa tutto su alte qualifiche educative, acutezza mentale e conoscenze specifiche.

In questo caso si può dire che non ci siano limiti alla crescita professionale, ma la verità è che sono davvero poche le eccezioni che ottengono guadagni da veri imprenditori. La maggior parte non godrà mai di una vera e propria carriera e godrà piuttosto di piccoli aumenti di stipendio guadagnati nell’arco di anni di lavoro.

Altro aspetto fondamentale è che gli ambienti in cui lavorano i colletti bianchi sono spesso molto competitivi. E se qualcuno spicca più degli altri, si impegna molto ed è dedito al lavoro, entra spesso nel mirino dei suoi diretti superiori che temono venga rubato loro il posto.

In questi ambiti vince il migliore e nessun posto è assicurato.

Networker: carriera!

Questa è la figura professionale che negli ultimi anni più incuriosisce ed è una delle poche che permette all’individuo di crescere in libertà.

  • nessun tetto massimo di guadagno
  • nessuna divisa
  • nessun luogo di lavoro specifico
  • nessun oraro di lavoro
  • nessun superiore a cui dover rendere conto

Il networker può lavora online in smart working, ma la cosa più importante è che nel network marketing, qualora ci fossero dei leader, questi ultimi non verranno frenati dalla loro upline, al contrario!

La crescita dei propri collaboratori determina la propria crescita, quindi ogni networker avrà il massimo interesse nel far crescere i propri collaboratori il più velocemente e fortemente possibile.

E la ciliegina sulla torta è che è il mestiere più meritocratico che ci sia. Maggiori i tuoi risultati, maggiore il tuo guadagno. Ancora meglio, puoi guadagnare più del tuo “superiore”.

Ma in ogni caso l’errore di qualunque networker sarebbe proprio quello di frenare i propri collaboratori, e a questo proposito rimandiamo a un articolo che spiega meglio la leadership nel network-marketing.

E benchè per diventare networker professionista bisogna anche possedere delle abilità molto importanti nei rapporti umani, queste si possono di certo acquisire.

Il Network Marketing sarebbe l’esame universitario più semplice del mondo, se esistesse. Purtroppo non insegnano questa professione negli istituti classici, ma fortunatamente online è pieno di risorse per diventare dei professionisti con pochissimo sforzo.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email