Skip to content
onda-parziale-inferiore-600-px-gradiente-.png

5 miti da sfatare per il networker principiante

5 miti da sfatare per il networker principiante

Quando si pensa ad un modo per usare internet e guadagnare, network marketing e vendita diretta sono senza dubbio le aree che offrono più opportunità di lavoro, ma anche quelle con più miti.

Nonostante ciò, purtroppo, molte persone rifiutano a priori questo tipo di occupazione. Ciò accade a causa dei numerosi pregiudizi che nel tempo si sono creati, ma anche della poca conoscenza effettiva su cosa è il network marketing e come realmente funziona.
Dunque come fare network marketing partendo da zero? Conviene veramente?

5 miti da sfatare

Per iniziare a fare chiarezza è bene partire dalle basi, approfondendo i 5 miti da sfatare per il networker principiante.

  1. Il network marketing è una truffa

Questa è una delle frasi che più frequentemente si sente dire in giro a riguardo di questo tipo di occupazione.

Ad onor del vero, è bene chiarire che effettivamente sono esistite e ancora esistono realtà poco trasparenti, ma si tratta di casi singoli, non sufficienti a categorizzare come criminali tutti coloro che si occupano di questo settore.

La vera industria del network marketing esiste alla luce del sole da più di 60 anni, con un fatturato di tutto rispetto.

Bisogna darsi da fare, questo è vero, ma i risultati ci sono e sono tutti perfettamente in linea con la legge e con i meriti personali del networker.

  1. Non bisogna fidarsi degli schemi piramidali

Verissimo! Tra i miti del networker questo è forse il meno irrealistico.

Il termine schema piramidale ha un significato molto preciso per la legge italiana ed è associato agli schemi Ponzi – clicca qui per approfondire – assolutamente illegali in quanto generano profitto per arruolamento e non per la vendita di un prodotto o servizio di valore.

Il Network Marketing invece, benchè in senso lato sia anch’esso “piramidale” come ogni organizzazione, è tutta un’altra storia.

Dalla scuola alla chiesa a un qualsiasi posto di lavoro, chi si trova in “alto” è lì perchè ha acquisito le conoscenze e le abilità per guidare e motivare chi è appena entrato o chi si sta applicando.

L’unica differenza è che qui la meritocrazia conta davvero e la raccomandazione non trova spazio.

  1. Bisogna assillare tutti per riuscire a ricavare due soldi

Questo è forse il mito del network marketing che ancora oggi non è stato risolto dalla maggior parte di chi ci lavora!

Non c’è modo migliore per fallire che buttare a caso nel mucchio ed insistere fino allo sfinimento.

Il metodo per ottenere delle vittorie nel network marketing è puntare al lungo termine.
Questo vuol dire impegnarsi per trovare la propria nicchia, cioè quelle persone che si fidano e che chiameranno per tutti gli acquisti futuri.

Correre come un matto a destra e a sinistra, proponendo con insistenza il prodotto non solo farà scappare le persone, ma darà al networker una pessima fama che ostacolerà la sua carriera.

  1. Bisogna solo trovare un paio di persone che lavorino sotto e che facciano altrettanto

Seguendo la stessa filosofia della clientela, anche in questo caso sparare nel mucchio diventa controproducente.

Ciò che realmente serve è selezionare altre persone motivate ed interessate ad una collaborazione, in modo tale da avere la loro presenza anche nel tempo.

Allo stesso tempo, fermarsi a due persone è certamente poco saggio, perchè se loro per qualche motivo dovessero mollare ci sarebbe un crash nel sistema del networker.

  1. Guadagna solo chi sta in cima

Nelle aziende network marketing guadagna solo chi si impegna.

Con questo si vuole intendere la formazione di una buona tecnica, una strategia vincente e la ricerca dei contatti giusti.

Chi sta in alto è nel giro solitamente da molto tempo ed ha sviluppato una buona conoscenza del mercato che tratta. Si prende cura dei collaboratori e li aiuta spronandoli e motivandoli.
Si trova quindi più in alto chi se lo è guadagnato.
Ciò non toglie che a tutti i livelli è presente un guadagno, sempre rapportato alla produzione personale.

Conclusioni

Questi 5 miti, adesso sfatati, aiutano a capire che il network marketing è un lavoro che richiede impegno, ma che ripaga.
Il consiglio è di tenere sempre in mente i concetti fino ad ora espressi quando si ha a che fare con proposte di lavoro in tale ambito, proprio per scartare coloro che, spacciandosi per networker seri, offrono guadagno facile con il minimo sforzo.
Impegno, dedizione e tecnica sono le parole chiave per ottenere il massimo da questo mondo.

 

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email