Come Scegliere il Miglior Fornitore di Energia Elettrica e Gas

Su cosa basarsi per Scegliere il proprio Fornitore Energetico?

Il mercato di luce e gas è affollato, molto affollato, e ci sono centinaia di imprese sconosciute ai più che contribuiscono ad alzare il numero di concorrenti.

Come si fa quindi a scegliere il miglior fornitore di energia elettrica e gas? Semplice, basandosi su 4 fattori fondamentali:

  1. tipologia di energia venduta
  2. trasparenza nelle tariffe
  3. servizio clienti
  4. prezzo

Se il prezzo è quasi uguale per tutti, alcuni fornitori sono capaci di distinguersi per ciascuno degli altri 3 punti.

Tipologia di Energia

Solo alcuni, ad esempio, presentano un mix energetico ricco di rinnovabili. Altri prediligono il petrolio e il nucleare come uniche fonti da cui rifornirsi.

Altri ancora propongono forniture 100% rinnovabili, ma non sempre si tratta di verità.

Alcune aziende stanno ampliando la loro offerta, e i loro clienti potranno alimentare parte della propria abitazione attraverso eolico, solare e idroelettrico, senza scomodare eccessivamente il petrolio.

Trasparenza in Bolletta

Le clausole nascoste potrebbero essere letali per il portafoglio. Oppure le offerte a scadenza che vanno ad alzare il prezzo in bolletta dall’inizio del secondo anno.

trasparenza in bolletta

Per questo la trasparenza è uno dei fattori più apprezzati dai consumatori:

Servizio Clienti

Per chi ha avuto il dispiacere, l’esperienza di un pessimo servizio clienti è senza dubbio frustrante e ansiogena.

  • Alcuni hanno code talmente lunghe da far aspettare i propri clienti per decine di minuti al telefono, e spesso senza comunicare i tempi di attesa.
  • Altri si appoggiano a svariati call center stranieri rendendo difficile l’interazione con i clienti.
  • A volte il personale è scortese e impreparato, non mette a proprio agio il cliente, e non lo accompagna verso la risoluzione del problema
  • Spesso invece cade la linea proprio quando finalmente ci rispondono

Ci sono però aziende capaci di farsi apprezzare, proprio grazie ad un servizio clienti rapido, competente, cordiale e accomodante. Più unico che raro, ma non impossibile

Esiste infine un ultimo punto, forse il più importante:

Differenze

Ogni gestore è diverso dall’altro, e ognuno gioca sulle differenze che lo contraddistinguono.

C’è chi punta sul servizio clienti, chi invece lo trascura. Chi decide di adottare una tariffa trasparente per ottenere fiducia, chi invece preferisce fatturare dalle clausole scritte in piccolo. Alcuni puntano sul prezzo, ma sappiamo che i margini sono troppo piccoli per permettere dei veri risparmi.

Ma se esistesse un gestore che usa energia rinnovabile, ha una bolletta trasparente in ogni sua voce, un servizio clienti cordiale ed efficiente, e che ti offre la possibilità di dimezzare o anche azzerare le bollette per sempre?

 

 

 

Supermercati: I 5 Dogmi per Risparmiare del Cliente Esperto

Fare La Spesa è un’Esigenza, Risparmiare è una Sana Abitudine

Andare in un supermercato sembra un compito semplice: passeggiare tra i reparti, afferrare gustosi prodotti dagli scaffali e infine uscire. Ma dopo la prima spesa sono molti quelli che capiscono che fondere il desiderio con l’aspetto economico è un compito arduo. Risparmiare facendo la spesa potrà senz’altro aiutare, visto che già i costi da sostenere per casa propria sono alti.

Perciò, per i meno esperti, questi pratici consigli torneranno sicuramente utili per svelare tutti i trucchi del mestiere. I più esperti, magari, potrebbero apprendere qualcosa di nuovo.

1. Avere le idee chiare

Prima di varcare la soglia del supermercato, è sempre bene sapere quali prodotti si vorranno acquistare. Senza le idee chiare, si correrà il rischio di riempire il carrello di articoli magari superflui oppure già presente in casa.

Il primo consiglio quindi è quello di stilare una lista in base alle esigenze personali. In questo modo, si potrà tracciare un percorso economico che dovrà essere seguito rigidamente. Ci sono due possibili modi di stilare la lista e dopo andare a fare compere:

  • Recarsi nel negozio più volte a settimana, non facendo un’unica lista e spesa
  • Rifornirsi una volta a settimana, comprando tutto ciò di cui si avrà bisogno

Il primo approccio si presenta meno impegnativo del secondo, ma è probabilmente meno economico. Infatti questo metodo richiede concentrazione per evitare di acquistare più del dovuto e di perdere tempo. Inoltre l’automobile è un altro punto che influisce, dovendola utilizzare più volte invece di una.

2. Non farti ingannare

Il cartello “Offerta” non sempre porta con sé una reale possibilità di risparmio. Spesso i prezzi vengono abbassati di uno o due centesimi, oppure vengono fissate su prodotti non di prima necessità, spingendo il consumatore ad acquistarli.

Perciò ci vuole grande occhio per la merce scontata. Le offerte convenienti sono rare. Bisogna sempre basarsi sulla propria lista, evitando il rischio di venire attratti da qualche superflua golosità che aumenterebbe la spesa finale.

Le promozioni vanno quindi sfruttate se rientrano tra gli articoli necessari, magari anche acquistandone una quantità maggiore, andando così a risparmiare per il futuro.

3. Più è artificiale, Più costa

In media, i prodotti più cari sul mercato sono quelli che hanno subìto delle ulteriori lavorazioni prima di poter essere messi in vendita. I cibi sfusi, ad esempio, sono più economici di quelli confezionati, andando anche a impattare di meno sull’ambiente.

Oppure, evitare di comprare pasti precotti o trattati perché, oltre a essere poco salutari, nel prezzo finale è stata compresa anche la sua spesa di lavorazione. Gli alimenti del mercato locale sono un’ottima soluzione, essendo freschi e senza lavorazioni complesse alle spalle.

consigli pratici per risparmiare al supermercato, come risparmiare facendo la spesa

4. Andare oltre le apparenze

Nei supermercati, i maggiori marchi posseggono due enormi punti a favore: la loro precisa disposizione e le confezioni appariscenti. Questa strategia attira la clientela e la porta a preferire loro rispetto alla concorrenza, meno importante, grazie all’impatto psicologico causato dai colori sgargianti dei prodotti posti ad altezza viso.

Facendoci caso, sarà possibile notare come le aziende più piccole dispongano di una posizione marginale negli scaffali, riducendo così la loro presa pubblicitaria. Questo tuttavia non si traduce in una minor qualità o in prezzi elevati, infatti questo è uno dei consigli da seguire per risparmiare.

Gran parte della merce “nascosta” non è scadente o inaffidabile, anzi, in molti casi viene prodotta dagli stabilimenti più importanti e infine ne viene cambiato il marchio.

Gli imballaggi si presentano meno invitanti rispetto alla grande concorrenza, con pochi disegni e colori tenui. Tutto ciò, però, si traduce in una spesa finale inferiore, senza rinunciare alla desiderata qualità.

5. Affidarsi alla Matematica

I conti non tornano? Credi di aver speso troppo nell’ultimo mese? Utilizzare la calcolatrice è la risposta a tutte le tue domande. Una buona abitudine è quella di tenere conto di tutte le spese, riuscendo così a far caso a quanto ammonta la spesa totale e capire se è necessario cambiare metodi o se la strada percorsa è quella giusta.

A questo punto non resta che mettersi ai fornelli, magari aiutandosi con questi brevi consigli su come risparmiare in cucina. Grazie a un piccolo aiuto insieme a della personale inventiva, si potranno raggiungere risultati comodi per sé e per tutta la famiglia.

Come Trasformare in un Ricordo il Canone Rai

Il nuovo problema del pagamento e la nuova soluzione di esonero

Periodicamente il Canone Rai torna a infiammare gli animi di molti clienti costretti a pagarlo.

Ma le persone nel gruppo di acquisto di ScelgoZero non dovranno preoccuparsi, il loro canone non avrà variazioni di prezzo.

I più furenti, tuttavia, sono coloro che avevano espressamente chiesto l’esonero nei tempi prestabiliti.

L’Agenzia delle Entrate aveva dichiarato che l’esonero si poteva richiedere dal 1 luglio 2016 al 31 gennaio 2017.

Tuttavia queste tempistiche non sono state rispettate: non dai clienti, ma dall’Agenzia! Infatti molte delle domande inviate durante tutto gennaio erano ancora in attesa nel momento del rilascio degli esenti.

Quindi per chi, nonostante la richiesta, si è visto il prezzo della bolletta più alto del previsto, dovrà nuovamente contattare l’Agenzia delle Entrate.

Si tratta di un processo lungo e fastidioso. Purtroppo non si è a conoscenza dei tempi in cui verrà risolto questo problema.

Esiste però un metodo alternativo per non incappare in questo tipo di problema: è funzionante, affidabile e a costo zero.

come non pagare il canone in bolletta, come azzerare il canone

E’ adatto a chiunque vorrebbe risparmiare sulle spese fisse, quelle di cui proprio non si può fare a meno, come il Canone o le bollette.

Con ScelgoZero si può azzerare il Canone RAI anche se non esenti, e si può risparmiare fino al 100% della bolletta.

La chiave del risparmio è sociale: maggiore è il numero di persone che partecipano a ScelgoZero, maggiori saranno i propri risparmi!

Non si tratta di un lavoro al quale dedicare preziose ore di vita per ottenere qualche misero sconto. Al contrario, con un’attività minima, ci si può già  assicurare un risparmio del 50% sulle bollette…per sempre!

Inoltre, risparmiare sulla bolletta vuol dire risparmiare sul Canone RAI, azzerando prima quello e poi il resto dei costi.

Dipende tutto da te, sicuro di voler pagare il Canone per il resto della tua vita?

ScelgoZero: l’app del risparmio

Grazie a uBroker è nato due anni fa il programma per azzerare le bollette e rendere il pianeta più ecologico.

La scelta del giusto gestore per luce e gas è una situazione che mette tutti in crisi, specialmente a causa del mercato energetico, diventato una vera guerra dei prezzi.

Nuove offerte escono ogni giorno e tra servizi e promozioni in continuo cambiamento il cliente è sempre più indeciso. Anche per questo cambia spesso operatore con i vantaggi e svantaggi che ne conseguono.

Nel 2015 però è nata una novità da questo affollato mondo. Una novità che farà dire al cliente:

“finalmente ho trovato la soluzione che stavo cercando”

La soluzione che abbraccia il consumatore con i suoi tanti vantaggi:

Questo è ScelgoZero: la scelta da cui non vorrai più tornare indietro.

La forza dell’azzeramento

Tra i tanti punti sicuramente quello che spicca di più agli occhi di tutti è l’ultimo, azzerare la propria bolletta delle utenze.

Appare forse come una follia o come un gioco di prestigio coi numeri. In realtà è tutto vero e questo porta un cambiamento che tutti noi – increduli – aspettavamo.

Con questo progetto lanciato da uBroker stiamo conquistando il mercato italiano. Questo perché rendiamo la vita dei nostri clienti più leggera facendoli risparmiare fino ad azzerare le bollette.

E i numeri di azzeramento sono tanti, in continua ascesa e pare che siano destinate a non fermarsi.

L’importanza dell’ambiente

Esiste ancora un ultimo punto di cui uBroker, e quindi ZERO, può fortemente vantarsi di avere dalla sua parte, ossia il proprio mix energetico.

uBroker è un gestore realmente attento all’ambiente, è consapevole che appoggiarsi in larga misura a combustibili fossili è dannoso per l’ambiente e quindi anche per i tanti clienti.

Ecco perchè ha deciso di sfruttare un’alta percentuale di energie rinnovabili da impiegare nei proprio servizi energetici, riuscendo così ad alleggerire nel proprio piccolo il peso dell’inquinamento .

Questa è tutta la forza di uBroker; tutta la forza di ScelgoZero.

1° Green Economy Report

Greentire ha presentato all’evento Ecomondo 2016 il suo primo Green Economy Report.

L’aspetto chiave su cui si concentra è la raccolta di PFU: Pneumatici Fuori Uso.

Infatti la produzione e infine lo smaltimento di pneumatici è molto influente sia da un punto di vista ecologico e ambientale, sia da un punto di vista economico.

Infatti grazie ai 2339 punti di generazione, gommisti e officine meccaniche italiani, si è raggiunto un +20% di raccolta rispetto all’anno precedente.

Un totale di 22.800 tonnellate di pneumatici raccolti, che hanno portato per l’80% ad un effettivo recupero di materia.

12 mila t si sono trasformate in campi sportivi e piste di atletica. Circa 4.500 t si sono convertite in dossi, cordoli, tappetini fonoisolanti e piastrelle anti-trauma. I restanti utilizzati per il recupero di energia.

Emissioni ridotte di oltre 46.000 tonnellate di CO2, pari a quelle prodotte da 14.000 veicoli in un anno.

Lo stesso lavoro di recupero di PFU ha anche permesso di risparmiare quasi 300.000 metri cubi d’acqua.

In totale, i PFU raccolti hanno risparmiato al Paese circa 21.000.000 € per importazioni di materia prima evitate.

Insomma un grande risultato che ha trasformato gli Pneumatici in disuso in una risorsa economica.

 

Quanto si può risparmiare sulle bollette?

Da pochi anni i livelli di risparmio sono arrivati al 100%

Grazie alle novità tecnologiche oggi risparmiare sulle bollette è facile e conveniente, ma ci sono due modi per farlo:

  • investendo in tecnologia che diminuisca i consumi
  • investendo in bollette che costino sempre meno

Entrambi sono investimenti intelligenti, ed entrambi fanno risparmiare centinaia di euro sulle bollette, ma ci sono differenze importanti nelle due strategie.

Investire in tecnologia

Nel primo esempio il primo passo è quello di restare aggiornati sulle nuove tecnologie proposte sul mercato. Questo perchè ogni nuovo prodotto potrà far consumare meno rispetto al precedente; sappiamo che oggi il progresso corre veloce!

In questo modo si può decidere se e quali oggetti sostituire, in base a tempi, prezzi e risparmio complessivo.

Sono tanti gli esempi di tecnologie vicine al risparmio e anche all’ambiente, grazie al loro basso impatto energetico. Alcuni esempi utili sono:

Il web è fonte di grande ispirazione per risparmio di ogni tipo, come il rubinetto che fa consumare il 10% d’acqua in meno, o il manicotto della doccia che vaporizza l’acqua per risparmiarne il 70%.

In questo modo si possono ridurre notevolmente i consumi, e con un po’ di accortezza si eviteranno tutti gli sprechi, che in un anno ammontano solitamente al 20-30% del totale delle bollette.

come risparmiare in bolletta, risparmio bolletta

Investire in energia pulita e rinnovabile è sicuramente una buona strada da seguire per poter ridurre la spesa nella bolletta.

Tuttavia è bene non limitarsi a seguire solo questa strada, per due motivi:

  1. richiede un investimento economico
  2. prima di avere risparmi effettivi ci sarà bisogno di tempo

Ecco quindi che viene in soccorso il secondo punto importante del viaggio verso il risparmio in bolletta.

Investire in bollette

“Cosa significa investire in bollette?” Questa è la domanda tipica di chi sente questa frase.

Fino ad oggi le vostre bollette sono state solo una spesa in cambio di un servizio, dll’elettricità per ogni oggetto elettronico al gas per riscaldarsi e cucinare.

Ma se ci fosse una bolletta capace di far guadagnare dei punti ai suoi clienti, e questi punti si potessero poi convertire in sconti sulla bolletta, fino al suo azzeramento?

A questo punto il problema della bolletta sarebbe solo più un lontano ricordo.

Può sembrare un discorso per assurdo, scritto per far sognare i lettori speranzosi di non pagare più la bolletta. E invece è esattamente il contrario.

Questo appena descritto esiste, proprio qui in Italia e accessibile a tutti.

Questo è il progetto ScelgoZero.

Una community di persone intenzionate a risparmiare il più possibile sulle utenze di casa propria, tutte partecipanti del primo social utility network al mondo. Un’impresa che, senza investimenti economici di alcun tipo, dà la possibilità di risparmiare sempre di più sulle bollette.

E settimana dopo settimana, mese dopo mese, l’esito è l’azzeramento della bolletta, qualunque sia il costo, canone Rai compreso.

Come funziona? Scopri ScelgoZero – Luce e Gas

 

Come azzerare le bollette

E’ possibile azzerare le bollette di luce e gas per famiglie o imprese?

Il mercato di oggi è sempre più competitivo. Le offerte crescono sempre più di numero e ognuna all’apparenza trasmette convenienza, tramite spot, buoni regalo o sconti offerti.

Perchè l’obiettivo finale è sempre il miglior rapporto qualità-prezzo per il cliente.

Anche il settore delle energie rinnovabili è in grande ascesa da qualche anno a questa parte. Si tratta di offerte meno economiche, ma soddisfano un fattore umano di elevato valore: l’ecologia.

Ma alla fine dei conti quasi nessuno ha idea del tipo di servizio che sta acquistando, delle differenze sostanziali tra i diversi gestori e fornitori, e il risultato è quello di comprare alla cieca.

L’energia costa, il gas anche, e alimentare il proprio fabbisogno energetico influisce sui costi mensili di tutte le famiglie italiane.

La risposta finale alla domanda quindi è che non esistono offerte gratuite, ma esistono possibilità di azzerare le proprie bollette.

Come è possibile non pagare le bollette?

Il mondo dell’energia sta vivendo una rapida corsa di sviluppi e progressi da diversi anni:

Eppure il costo energetico oggi è ancora piuttosto alto, nonostante questo grande impegno nello sviluppo di questo settore. Come mai?

come risparmiare sulla bolletta, non pagare bolletta

Le idee circolano velocemente, sicuramente anche grazie al web e ai social network che hanno il potere di rendere virali i contenuti in pochissimo tempo. Proprio grazie a questa diffusione siamo riusciti a risolvere il problema.

Volevamo un modo per risparmiare e abbiamo capito che l’unica spesa che accomuna tutti è quella delle bollette.

Il gruppo di acquisto di ZERO ha quindi creato per tutti la reale opportunità di risparmiare fino al 100% della bolletta, quindi di azzerarla, o addirittura di guadagnare. Ciò che serve è solo cambiare gestore, entrare in un gruppo che porta continuamente risparmio a se stesso, e parlarne con gli altri per far crescere la community.

Proprio così ZERO, dal 1 gennaio 2015 è passata da 0 a decine di migliaia di bollette in pochissimo tempo, sia di luce che di gas.

Come funziona ZERO?non pagare le bollette

Per azzerare le bollette è stato creato un sistema tanto semplice quanto complesso, che garantisce a tutti un risparmio, e ad alcuni l’azzeramento.

Il tutto senza investimenti e con risultati crescenti nel tempo. Inoltre azzerare la bolletta della luce significa anche non pagare più il canone RAI. Puoi dimenticare la tassa meno apprezzata d’Italia, seconda forse solo alle accise sulla benzina.

Inoltre il gestore di ZERO fornisce bollette 2.0, più chiare e comprensibili. Si potranno infatti leggere chiaramente i costi per l’energia, le tasse e le spese pagate sulla stessa, e gli sconti di ZERO accumulati.

Un progetto semplice ma con grandi obiettivi per tutti i suoi aderenti.

Bollette: puoi azzerarle tutte

Le bollette azzerate sono sempre più numerose

C’è chi va in giro a catturare Pokèmon spendendo un sacco di tempo, e chi vince sconti risparmiando un sacco di soldi.

I prezzi dell’energia salgono, ma in ZERO le bollette continuano a scendere. In molti ci chiedono come sia possibile, e puntualmente ribadiamo i concetti fondamentali del successo di ScelgoZero. Ma oggi ancor più di ieri il motivo fondamentale è uno solo: il mercato.

Il mercato è stufo di spendere il doppio e alcune volte anche il triplo dell’effettivo costo dell’energia. Più della metà della bolletta è composta di tasse, oneri e costi aggiuntivi, ora ben visibili nella bolletta 2.0.

Ma se è inevitabile che le grandi imprese energetiche lucrino sulla richiesta energetica, è al contrario possibile smettere di subirne il peso.

A nessuno piace pagare certe cifre, soprattutto se poco giustificabili, questo è il semplice segreto del successo esponenziale di ZERO.

Quindi lasciamo che siano i fatti a parlare, che siano i risultati raggiunti dalla nostra community in espansione, che siano questi semplici fogli di carta a fare tutta la differenza del mondo.

Queste sono alcune delle bollette azzerate di luglio che ci hanno mandato: guarda l’album di Facebook

Un progetto appena sbocciato

ScelgoZero sta avendo già successo nel panorama energetico italiano. La sua forza di azzeramento si sta facendo largo tra le bollette degli italiani, ancora increduli di non avere più questo incombente peso da considerare ogni mese.

Il progetto ha percorso molta strada lungo la penisola, grazie al grande lavoro di tutti i collaboratori e clienti soddisfatti. Eppure si può dire di essere ancora agli albori, perchè ZERO ha ancora tantissimo da offrire a tutti gli interessati.

scelgozero azzera le bollette, come non paare il canone rai

Parlare è importante e in questo caso più che mai, perchè con ScelgoZero è il passaparola a fare tutta la differenza. Perchè quando un cliente è soddisfatto, la voce fa in fretta a spargersi.

E i risultati sono sempre più soddisfacenti.

 

 

 

2017 – Come risparmiare elettricità in estate –

Alti e bassi nel prezzo della bolletta degli italiani

Come tutti gli anni l’estate alza i prezzi dell’elettricità e l’inverno quelli del gas. Questo accade perchè la domanda sale vertiginosamente rispetto all’offerta.

Per riscaldare e condizionare gli ambienti nei periodi più freddi e più caldi occorre ovviamente più energia. Quest’anno avremo nuovamente un’estate torrida nella penisola, che porterà il consumo elettrico ad altissimi livelli.il condizionatore consuma tanto

Come risparmiare?

Come al solito siamo lieti di consigliare i nostri clienti e i loro amici con delle semplici strategie di risparmio senza rinunciare a grandi comfort.

I punti su cui vogliamo concentrarci sono:

  • doccia
  • ventilatore
  • condizionatore

Partiamo quindi dicendo che in estate la doccia può essere fatta a temperature minori. Per scongiurare ogni eventualità di acqua bollente, basterà abbassare la temperatura dalla caldaia. Questo ridurrà la bolletta del gas, che è sempre un buon modo per risparmiare.

Una doccia fredda è sicuramente un bel momento di fresco relax, ma attiva la circolazione e fa patire di più il caldo una volta usciti.

In questo caso consigliamo una doccia fredda o fresca, che si conclude con 15-30 secondi di acqua calda: provare per credere.

Il punto più dolente della bolletta però è quello che riguarda il consumo del condizionatore. In questo articolo consigliamo l’utilizzo del ventilatore a soffitto, che riduce i consumi elettrici del 85-90%, ma in un’estate così calda potrebbe non bastare per avere del meritato sollievo.

usare un ventilatore a soffitto

 

Spesso le bollette vertiginose sono dovute non tanto al condizionatore quanto al suo improprio utilizzo. Ci fa abituare alla temperatura, e si nota il fresco solo da una stanza calda ad una condizionata. Inoltre spesso aumenta l’umidità, la quale enfatizza la sensazione di caldo già pochi minuti dopo averlo spento, e ci spinge a riaccenderlo.

La soluzione

Vuoi risparmiare il 75% della bolletta elettrica? Usa condizionatore e ventilatore insieme, e se ne hai la disponibilità, un deumidificatore.

  • Deumidificando diminuisci la temperatura percepita
  • Usando il condizionatore diminuisci la temperatura reale della stanza
  • Con il ventilatore aumenti il fresco percepito e diminuisci ancora l’umidità sulla pelle

ventilatore e condizionatore insieme aumentano il fresco

Il primo e il secondo sono da usare in contemporanea e il meno possibile, perchè consumano molto. Con un termometro sarai in grado di capire quando la stanza è abbastanza fresca.

Il ventilatore invece è la risorsa definitiva per tutto il resto del tempo, perchè consuma pochissimo. L’aria ventilata sulla pelle riduce ancora l’umidità percepita, ed essendo già condizionata aumenterà esponenzialmente l’effetto rinfrescante.

In questo modo si potrà accendere il carissimo condizionatore per un’abbondante mezz’ora solo 2 o 3 volte al giorno, lasciando il resto del lavoro all’economico ventilatore.

CELLULA, l’abitazione sostenibile del futuro.

Un’abitazione nZEB, “Edificio a energia quasi zero” tutta italiana

Dimenticate tutto quello che conoscete sul normale concetto di “Casa” e preparatevi al futuro: CELLULA è un nuovo modello di edilizia residenziale che permette di creare abitazioni su misura, componibili, ecologiche e a basso impatto ambientale.

Quando hanno realizzato CELLULA avevano in testa due concetti molto chiari: realizzare un nuovo modello di abitazione e farlo nel pieno rispetto dell’uomo, dell’ambiente e delle future generazioni.

La casa rappresenta il fulcro della nostra vita, il focolare attorno al quale viviamo e creiamo la nostra famiglia.

Per questo è fondamentale valorizzarla e renderla compatibile con l’ambiente che ci circonda. CELLULA è un sistema abitativo componibile, capace di creare soluzioni abitative semplici o complesse, totalmente personalizzabili.

cellula componibile e modulare

Per la realizzazione di CELLULA vengono impiegati materiali eco-compatibili di elevata qualità, e impianti a basso consumo e ad alto rendimento.

Uniti al sistema costruttivo Cellula garantiscono un notevole abbattimento delle emissioni di CO2 in atmosfera e la rendono estremamente efficiente sotto il profilo energetico.

Grazie a un’attenta selezione dei materiali, delle dotazioni tecnologiche e all’uso di energie rinnovabili, il sistema costruttivo CELLULA arriva a soddisfare i requisiti della Direttiva Europea 2010/31 – Legge Italiana 90/2013.

Ottiene così l’indice di prestazione energetica “Edificio a energia quasi zero”, come certificato dall’Attestato di Prestazione Energetica (APE).

nzeb cellula ecosostenibile da milano

Caratteristiche importanti che si riflettono in una migliore qualità di vita per gli abitanti di CELLULA. Grazie alla qualità del progetto strutturale ed agli impianti installati possono infatti beneficiare di qualità dell’aria all’interno degli ambienti, comfort termico sia in estate che in inverno, isolamento acustico, protezione dalle emissioni elettromagnetiche, dalle radiofrequenze e dai da gas Radon.

 

Elementi che rendono CELLULA una soluzione abitativa altamente competitiva in termini di costo, ideale in una prospettiva a medio/lungo termine per valorizzare i concetti di risparmio, sostenibilità e rispetto dell’ambiente.