Skip to content
onda-parziale-inferiore-600-px-gradiente-.png

Sei testardo? Rendilo un vantaggio competitivo

Testardo vantaggio competitivo

La testardaggine è spesso vista come un difetto, ma potrebbe non esserlo.

Le persone testarde vengono riconosciute come arroganti, presuntuose e prepotenti.

Anche i bambini non sono esonerati da questo giudizio. Eppure perché una piccola creatura che sta imparando a camminare e vuole a tutti i costi cercare di salire le scale, dev’essere sgridata? E’ giusto spiegarle la pericolosità di quello che sta facendo ma è sbagliato punire la sua determinazione e il desiderio di raggiungere i suoi obbiettivi.

Essere testardi ha i suoi pregi

Chi lo sa, magari sono state proprio le continue punizioni di quando eravamo piccoli che ci hanno reso degli adulti insicuri, alla continua ricerca di una stabilità, senza lottare o rischiare.

Sono pochi coloro che creano quotidianamente nuove sfide e non si fermano, neanche di fronte alle difficoltà.

Effettivamente, esistono anche persone troppo testarde che appaiono sfacciate, inflessibili e sgradevoli. Ma lavorare sul proprio carattere è possibile a qualsiasi età e un difetto può diventare una qualità da sfruttare al momento più opportuno.

Qualsiasi sia la propria condizione e il proprio carattere è possibile modellarlo per cercare di trasformarlo in un punto di forsa.

Una persona troppo docile potrà trasformare la sua gentilezza in un’arma di persuasione. Chi invece sfrutta la propria testardaggine in maniera arrogante potrà addolcirla e trasformarla in determinazione.

Lottare per raggiungere i propri obbiettivi

Nella vita bisogna combattere continuamente: a scuola, in famiglia, al lavoro e per le persone con un carattere forte è sicuramente più semplice sgomitare e far valere i propri diritti anche a discapito del rapporto con gli altri. Ma nel Network Marketing il rapporto con gli altri è fondamentale.

Farsi valere da “squali” rischia di farvi passare per maleducati.

E’ importante distinguere la lotta dal combattimento.

Lottare è fondamentale per qualunque risultato, ma se si trasforma una lotta interiore in un combattimento con gli altri sarà difficile ottenere il successo, soprattutto nel Network Marketing.

Essere testardi per fare Network Marketing

Qualsiasi tipo di lavoro si intenda intraprendere, perseveranza e costanza sono molto importanti, ma nel Network Marketing lo sono forse più che mai.

Per capire come diventare un bravo Networker occorre leggere, informarsi e studiare.

Ma a volte non basta imparare il mestiere, solo chi è testardo e riesce a trarre vantaggio dalla sua condizione con una buona dose di gentilezza può avere un vero successo.

Molte persone intraprendono il percorso del Network Marketing per arrotondare un po’ lo stipendio a fine mese. Ma chi davvero si impegna e sfrutta la sua testardaggine, per superare i propri limiti e raggiungere traguardi sempre maggiori, arriverà molto in alto.

Non bisogna però essere troppo testardi

Testardi si, ma con attenzione.

Il Network Marketing è un vero e proprio gioco di squadra , bisogna investire tempo e energie per il proprio futuro, seguendo anche i consigli di chi svolge questo lavoro da più tempo.

Gli esperti vi diranno che ogni componente del team deve collaborare con gli altri, ascoltare i suggerimenti, condividere le proprie idee e comunicare in maniera chiara e precisa.

Tentare di scavalcare un altro membro o fare di testa propria può solamente danneggiare il proprio lavoro e quello del gruppo.

La testardaggine è importante con se stessi, ma va addolcita con il prossimo.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email