Dai pannelli galleggianti alla forma del panda: la Cina è in testa al rinnovabile

La Cina prosegue con la sua corsa nel rinnovabile raggiungendo 130 GW di capacità energetica fotovoltaica

L’interesse del gigante asiatico verso l’energia rinnovabile non passa di certo inosservato agli occhi degli stati. E ad oggi può porsi come più grande produttore di rinnovabili al mondo.

I dati della Cina

la conferma ufficiale arriva dalla National Energy Administration (NEA) che annuncia una chiusura energetica 2017 da record. Infatti solo nello scorso anno il paese ha avuto un incremento di  52,83 GW di nuova capacità solare. Un traguardo impressionante, cosiderando che nell’anno 2016 la crescita era stata di 18,69 GW.

E con questa cifra la Cina può vantarsi di avere più dell’11% dell’energia utilizzata pulita.

Lo stato era già riuscito a superare gli USA nel campo delle rinnovabili ed era anche riuscito ad alimentare un’intera provincia cinese senza combustibili fossili per una settimana.

I risultati ora si possono vedere tutti, sia sul lato della salute e dell’ambiente e sia su quello economico.

Di circa 160 miliardi di dollari investiti nel green in tutto il mondo lungo il 2017, più della metà (85 miliardi $) hanno trovato fortuna in Cina.

Parco Fotovoltaico del Panda

Oltre alla potenza energetica, la Cina è anche interessata all’estetica.

A questo hanno pensato diverse aziende cinesi, prime tra tutte la United Nations development programme (Undp) e la China merchants new energy (Cmne).  Queste hanno costruito un enorme parco fotovoltaico dalle sembianze di un panda.

Se osservato dall’alto l’animale, simbolo dello stato, appare seduto e sorridente, mentre osserva curiosamente il cielo. Oltre a regalare tenerezza e stupore al paese, fornisce una capacità di 100 megawatt e sarà perciò capace di produrre 3,2 miliardi di kWh lungo i prossimi 25 anni.

Una cifra davvero importante che farà risparmiare milioni di tonnellate di carbone al Paese.

40MW galleggianti

Altra grande impresa nel campo fotovoltaico è stata la costruzione di un intero impianto posto sulla superficie di un lago. Questo perchè:

  • evita il depositarsi della polvere sui pannelli
  • riduce la temperatura dei pannelli e ne migliora quindi il lavoro

E con i suoi 40MW di capacità, si pone come il più grande impanto galleggiante al mondo.

energia rinnovabile cina, pannelli solari a forma di panda

Il futuro cinese è 100% green?

Tra tanti numeri e informazioni, sembra quindi che la direzione della Cina sia solo una, ossia diventare uno stato rinnovabile. Al momento non è ancora possibile prevedere una crescita di queste proporzioni perchè i tempi sarebbero troppo lunghi, vista l’estensione territoriale e il numero di abitanti.

Le intenzioni del governo cinese sono però chiare. Vi è in progetto di investire 360 miliardi di dollari in rinnovabili entro il 2020, riuscendo così a creare 13 milioni di nuovi posti di lavoro.

Inoltre la Cina ha già sperimentato come sarebbe vivere al 100% di energia rinnovabile per una settimana, con ottimi risultati.

E nel 2020 infine è previsto che la capacità di energia pulita del paese salga oltre il 25%.

Considerando che nella città di Shenzhen (12 milioni di abitanti) l’intero trasporto pubblico è stato reso elettrico, queste cifre potranno diventare realtà.

Analisi Completa dei Veicoli Elettrici: Sì o No?

Le Automobili Elettriche Hanno Conquistato una Fetta Importante del Mercato. Proviamo quindi ad Analizzarle.

Si dice che in meno di 30 anni il mondo sarà alimentato interamente da energia rinnovabile. Per il momento però siamo ancora nelle mani dei combustibili fossili.

Petrolio, gas naturale, carbone e centrali nucleari detengono il primato nei maggiori settori industriali. Tra tutti il più comune è quello del trasporto, alimentato in netta maggioranza da benzina e diesel.

Da alcuni anni, tuttavia, sta maturando un impegno notevole verso un cambio di rotta, tutto a favore del rinnovabile. Alcuni marchi automobilistici si stanno dirigendo verso il mercato elettrico, probabilmente sia per motivi ecologici che economici.

Pro e Contro vantaggi dell'elettrico, costi e inquinamento ridotti

E’ necessario però far chiarezza riguardo ai punti a favore e a sfavore dei veicoli elettrici. Nel 2017 conviene oppure no?

Vediamo tutti i suoi vantaggi:

  1. Risparmio

    Questo punto merita sicuramente il primo posto, perchè l’elettrico permette di abbattere drasticamente i costi dei rifornimenti rispetto a diesel e benzina.

    In media, per percorrere 200 km bisogna spendere dai 3 ai 6 euro, in base al modello e a molti altri fattori collegati alla guida. Nettamente inferiore rispetto ai 15-20 euro di una comune automobile a combustione.

    Un altro risparmio lo si incontra nella manutenzione del veicolo. Le parti in movimento del motore infatti sono pochissime. Questo determina un minor rischio di danneggiamento dei componenti e quindi meno visite dal meccanico.

    Infine bollo e assicurazione costano molto meno per incentivare i consumatori ad acquistare macchine elettriche.

  2. Tutto Green

    Con questo punto si va a toccare il lato più etico del proprio acquisto. Un’elettrica non immette nell’ambiente alcun tipo di sostanza inquinante, tanto che non possiede il tubo di scarico.

    La stessa energia utilizzata viene principalmente prodotta da fonti rinnovabili, e nel caso di Tesla è 100% pulita. In alternativa, grazie a pannelli o tegole solari uniti ad una batteria domestica come Powerwall 2, si potrà ricaricare l’auto direttamente a casa propria a costo zero.

  3. Privilegi

    Guidare un mezzo elettrico permette di possedere dei punti a favore legati alla circolazione. Non si hanno vincoli nelle ZTL di molte città, nè limiti nei periodi in cui vengono imposti i blocchi sul traffico.

  4. Comfort

    È un privilegio che da sempre accompagna questo tipo di vetture. I pochi componenti in movimento e l’assenza di combustione fanno sì che i rumori e le vibrazioni durante la marcia siano pressochè assenti. Questo permette una guida più silenziosa e piacevole, che è in netta contrapposizione con quella rumorosa e instabile delle auto tradizionali.

vantaggi in auto elettrica, comfort e autonomia

Purtroppo per ogni cosa bella è anche presente l’altro lato della medaglia.

Ecco quindi i punti Contro che contraddistinguono un mezzo elettrico:

  1. Autonomia

    Aspetto probabilmente più dolente nel mondo green. Molti veicoli non presentano sufficiente autonomia per poter compiere in sicurezza un viaggio al di fuori della città. Infatti è proprio un aspetto su cui l’azienda Tesla spinge molto, visto che i suoi modelli sono garantiti per un chilometraggio elevato, fino a 600 km!
    Gli studi riguardo le batterie del futuro sono in continuo sviluppo e in futuro sicuramente questa tecnologia crescerà. Per adesso bisogna valutare bene le proprie esigenze.

  2. Investimenti

    I costi di queste vetture, soprattutto se di fascia bassa, si mantengono ancora su un range di prezzo piuttosto elevato, al contrario dei suoi concorrenti a benzina e diesel con uguali prestazioni. Oggi, volendo acquistare un’elettrica, conviene investire in un modello ad alte prestazioni, ammortizzabile in pochi anni.

  3. Tempi di Ricarica

    Le tempistiche per rifornire completamente il proprio mezzo non sono sicuramente rapide. Al contrario, ci vogliono diverse ore perché si possa disporre del 100% dell’autonomia. Come l’aspetto precedente, anche questo è in via di sviluppo tra i vari marchi, specialmente in Tesla. Attraverso i suoi punti di ricarica, garantisce il rifornimento di energia in 30 minuti.

  4. Postazioni di ricarica

    Ultimo argomento a sfavore è la distribuzione a livello territoriale dei punti di ricarica, ben inferiori rispetto alle esigenze di un cliente con veicolo elettrico. Sono necessari maggiori interesse e incentivi a livello nazionale per poter permettere la diffusione di questi elementi, aumentando così le vendite del prodotto.

    Anche questo problema, probabilmente, è transitorio perché con i maggiori sviluppi e vendite di questa categoria automobilistica, aumenterà l’interesse nel fornire il paese di una possibilità di ricarica adeguata.

Nel caso fossi interessato ad acquistare un veicolo elettrico ma sei scoraggiato dai troppi contro, prova ad aspettare qualche anno.