3 motivi per cui le donne sono fatte per il Network Marketing

Donne nel Network Marketing

Il Network Marketing è emerso negli Stati Uniti negli anni ’40 e in quegli anni a poche donne era permesso di lavorare. Inizialmente infatti, a parte ruoli specifici dove le doti femminili erano indubbiamente riconosciute, alle donne era permesso quasi esclusivamente il ruolo di madri e casalinghe.

Oggi la disparità di genere esiste ancora, ma più che mai si può dire che stia pian piano svanendo. E’ successo tutto molto rapidamente, e il mondo ne ha tratto grande beneficio perchè di certo le donne hanno molto di più da offrire che delle “mani piccole” per la manifattura.

Ad oggi le donne ricoprono ogni genere di posizione,sia nelle imprese che nella sfera politica, e anche nel network marketing aumentano sempre di più le cosiddette “quote rosa”. Non solo, sempre più spesso ricoprono ruoli ai vertici della carriera, come il famoso caso di Stafania Lo Gatto

Speriamo che con questo articolo sempre più figure femminili decidano di entrare nel Network Marketing e sempre più uomini cerchino delle donne come loro dirette collaboratrici.

perchè le donne sono fatte per il network marketing

Ecco 3 motivi per cui le donne sono perfette per lavorare nel network marketing.

1. Sono più empatiche

In un settore dove il successo si basa più che mai sulla creazione di connessioni e di legami duraturi, le donne indubbiametne eccellono perché più avvezze a intrattenere rapporti sociali e umani in modo più confindeziale.

Non da meno, le donne sono rassicuranti, tendono a essere più emotive e possono toccare più efficacemente il lato sensibile e umano delle persone.

Inoltre, sono mediamente migliori nel coltivare le relazioni, oltre che crearle: mentre gli uomini vivono il lavoro come competizione per raggiungere maggiori profitti rispetto ad altri competitor, le donne sono più abili nella sottile arte della collaborazione.

2. Sono grandi leader

E proprio la capacità di collaborare e di stimolare la collaborazione tra i propri collaboratori rende le donne dei leader migliori, che premiano il gruppo invece che gli individui.

network marketing e donne

La loro empatia inoltre, tratto genetico delle donne, le porta a comprendere meglio cosa motiva i loro potenziali clienti e collaboratori, e sfruttano ciò che apprendono per entusiasmarli e spingerli nella loro stessa carriera.

Se a volte per una donna è più difficile mantenere l’autorità, è però decisamente avvantaggiata dal creare un ambiente stimolante, divertente e motivante per tutti, e in un network marketing non si può sottovalutare l’importanza di questi aspetti.

3. Sono un concentrato di energia

Sappiamo tutti che le donne sono più abili a fare multitasking. Come l’empatia, è una dote naturale sviluppata in millenni di evoluzione.

donne nel network marketing

Storicamente le donne infatti, allevando i figli, hanno imparato a riconoscere meglio il linguaggio del corpo per interpretare i loro bisogni. Allo stesso modo il loro ruolo di nutrici le ha costrette a sviluppare l’abilità di tenere sotto controllo i figli in “background”, durante altre attività.

Molte sono le donne infatti che, specialmente dopo aver avuto dei figli, si meravigliano di quante cose possano fare durante il giorno. E molte madri, oltre a prendersi molta più cura dei figli e ad essere “costrette” a fare anche da casalinghe, riescono addirittura a lavorare, e con grande efficacia per giunta!

In conclusione, benchè le doti che permettono alle donne di distinguersi nel mondo del network marketing e non solo siano molte più di tre, siamo certi che non serva un genio per capire che ogni network ha più che mai bisogno di un team ricco di figure femminili per una crescita sostenibile e a lungo termine.

Come Scegliere il Miglior Fornitore di Energia Elettrica e Gas

Su cosa basarsi per Scegliere il proprio Fornitore Energetico?

Il mercato di luce e gas è affollato, molto affollato, e ci sono centinaia di imprese sconosciute ai più che contribuiscono ad alzare il numero di concorrenti.

Come si fa quindi a scegliere il miglior fornitore di energia elettrica e gas? Semplice, basandosi su 4 fattori fondamentali:

  1. tipologia di energia venduta
  2. trasparenza nelle tariffe
  3. servizio clienti
  4. prezzo

Se il prezzo è quasi uguale per tutti, alcuni fornitori sono capaci di distinguersi per ciascuno degli altri 3 punti.

Tipologia di Energia

Solo alcuni, ad esempio, presentano un mix energetico ricco di rinnovabili. Altri prediligono il petrolio e il nucleare come uniche fonti da cui rifornirsi.

Altri ancora propongono forniture 100% rinnovabili, ma non sempre si tratta di verità.

Alcune aziende stanno ampliando la loro offerta, e i loro clienti potranno alimentare parte della propria abitazione attraverso eolico, solare e idroelettrico, senza scomodare eccessivamente il petrolio.

Trasparenza in Bolletta

Le clausole nascoste potrebbero essere letali per il portafoglio. Oppure le offerte a scadenza che vanno ad alzare il prezzo in bolletta dall’inizio del secondo anno.

trasparenza in bolletta

Per questo la trasparenza è uno dei fattori più apprezzati dai consumatori:

Servizio Clienti

Per chi ha avuto il dispiacere, l’esperienza di un pessimo servizio clienti è senza dubbio frustrante e ansiogena.

  • Alcuni hanno code talmente lunghe da far aspettare i propri clienti per decine di minuti al telefono, e spesso senza comunicare i tempi di attesa.
  • Altri si appoggiano a svariati call center stranieri rendendo difficile l’interazione con i clienti.
  • A volte il personale è scortese e impreparato, non mette a proprio agio il cliente, e non lo accompagna verso la risoluzione del problema
  • Spesso invece cade la linea proprio quando finalmente ci rispondono

Ci sono però aziende capaci di farsi apprezzare, proprio grazie ad un servizio clienti rapido, competente, cordiale e accomodante. Più unico che raro, ma non impossibile

Esiste infine un ultimo punto, forse il più importante:

Differenze

Ogni gestore è diverso dall’altro, e ognuno gioca sulle differenze che lo contraddistinguono.

C’è chi punta sul servizio clienti, chi invece lo trascura. Chi decide di adottare una tariffa trasparente per ottenere fiducia, chi invece preferisce fatturare dalle clausole scritte in piccolo. Alcuni puntano sul prezzo, ma sappiamo che i margini sono troppo piccoli per permettere dei veri risparmi.

Ma se esistesse un gestore che usa energia rinnovabile, ha una bolletta trasparente in ogni sua voce, un servizio clienti cordiale ed efficiente, e che ti offre la possibilità di dimezzare o anche azzerare le bollette per sempre?

 

 

 

Elettricità Senza Fili, Oggi è Possibile

Come la fisica permetterà di rendere wireless l’energia elettrica

Citando il termine elettricità si tende sempre a pensare a una sorgente collegata a un ricevitore tramite cavi.

Un team di ricerca della Stanford University, tuttavia, ha messo a punto un metodo per eliminare ciò di più ingombrante all’interno di questo processo: il mezzo di trasmissione.

Shanhui Fan, coordinatore del proprio gruppo di ricerca, si è basato sugli studi del 2007 del Massachussets Institute of Technology. Era stata infatti sviluppata una tecnologia chiamata WiTricity.

Questa permetteva il “trasporto” di energia senza l’ingombro dei cavi, rendendola quindi wireless.

Ora i ricercatori di Stanford si sono basati sulla precedente tecnologia, ma appoggiandosi su un principio fisico differente.

Il processo, complesso per coloro poco esperti di fisica, prende il nome di simmetria CPT: ossia Carica, Parità e Tempo. Si tratta di un principio della meccanica quantistica.

Questo principio illustra che un sistema mantiene le sue proprietà, in questo caso l’energia elettrica, se alle particelle di cui è composto viene invertita la carica (da positiva a negativa e viceversa) e la direzione dei suoi movimenti.

Avendo questo come punto di partenza, Fan e il proprio gruppo hanno concretizzato il processo.

Hanno trasmesso l’energia necessaria, via wireless, per mantenere accesa una lampadina LED a distanza di circa un metro dalla fonte.

lampadina wireless, ricarica senza fili, stanford university

L’esaustiva relazione dello studio e dell’esperimento sono state pubblicate il 15 luglio 2017. La celebre rivista Nature la raccoglie completa di illustrazioni e formule fisiche.

Si tratta però di una tecnologia in fase sperimentale. Infatti l’intenzione è quella di aumentare l’energia trasmessa e diminuire la distanza tra sorgente e ricevitore.

Ma lo scopo e la destinazione di questo metodo wireless non rientrerà esclusivamente nell’ambito scientifico. Bensì sarà destinato ad abbandonare il laboratorio per abbracciare la quotidianità.

I suoi utilizzi potranno essere molteplici ed essenziali in futuro. Per fare alcuni esempi:

  • alimentazione di auto elettriche, ferme o in moto
  • dispositivi elettronici portatili, come smartphone
  • apparecchiature mediche, come pacemaker

L’elenco potrebbe non finire mai. Si svilupperà in relazione ai progressi scientifici di questa innovativa tecnologia, destinata a modificare il mondo in cui oggi si vive.

Anche l’azienda uBeam si è occupata di ricarica wireless attraverso un processo totalmente differente e ugualmente innovativo.

Meriti Italiani

Il Politecnico di Torino è altrettanto interessato all’energia senza fili.

Un gruppo di ricerca ha ideato un metodo di ricarica per veicoli elettrici mentre sono in movimento. Impiantando nell’asfalto degli induttori capaci di “inviare” l’elettricità, l’automobile non avrà più problemi di autonomia.

La tecnologia prende il nome di “Polito charge while driving” e potrebbe essere destinata, insieme agli altri prototipi, a portare una svolta nel contesto dell’energia rinnovabile.

 

 

In arrivo la Torre Solare Più Alta del Mondo

La Torre Solare più Alta sarà ad Israele

Israele ha un’economia incentrata sul petrolio, ma anche in questa occasione occorre aumentare la percentuale di energie rinnovabili.

Infatti con solo il 2,5% è uno dei Paesi con la minor percentuale di rinnovabile prodotta.  Così, per allinearsi agli sforzi globali, Israele ha preso l’impegno di raggiungere il 10% entro il 2020.

L’obiettivo verrà raggiunto grazie ad un investimento di mezzo miliardo di euro.

Cos’è un Torre Solare?

A differenza dei pannelli solari che trasformano l’energia solare in arrivo sulla loro superficie, le torri sfruttano gli specchi.

Il nome corretto è eliostati. Questi, grazie al movimento e alla rotazione, riescono a catturare durante l’intero giorno la maggior quantità di luce possibile, per direzionarla con precisione in cima alla torre.

Sulla vetta della Torre Solare quindi si trova un faro assorbitore, in grado di trasformare gran parte della luce ricevuta in energia elettrica.

Questa soluzione è ideale per ridurre i costi, aumentare la durata della raccolta e l’efficienza complessiva dell’impianto.

La Torre Solare di Israele

Il progetto si compone di tre “lotti” con un quarto ancora in progettazione. Questi, iniziati nel 2016 saranno terminati nel 2018, sfrutteranno tecnologie solari diverse.

Uno dei quattro si avvalerà del Solare Termodinamico a Torre, che grazie a 50.000 eliostati convoglierà la luce nella Torre Solare più Alta del mondo: 250 metri.

L’intera centrale ricopre 300 ettari, quasi 400 campi da calcio, ed è stata finanziata da General Electric, Alstom e Noy (fondo privato israeliano).

Rispetto alla generazione precedente gli specchi sono 3 volte più grandi, collegati tramite il wifi al posto dei cavi, e la torre soddisfa le migliori aspettative economiche.

Un grande passo avanti anche per Israele, che grazie a questo progetto illuminerà 130.000 abitazioni.

1° Green Economy Report

Greentire ha presentato all’evento Ecomondo 2016 il suo primo Green Economy Report.

L’aspetto chiave su cui si concentra è la raccolta di PFU: Pneumatici Fuori Uso.

Infatti la produzione e infine lo smaltimento di pneumatici è molto influente sia da un punto di vista ecologico e ambientale, sia da un punto di vista economico.

Infatti grazie ai 2339 punti di generazione, gommisti e officine meccaniche italiani, si è raggiunto un +20% di raccolta rispetto all’anno precedente.

Un totale di 22.800 tonnellate di pneumatici raccolti, che hanno portato per l’80% ad un effettivo recupero di materia.

12 mila t si sono trasformate in campi sportivi e piste di atletica. Circa 4.500 t si sono convertite in dossi, cordoli, tappetini fonoisolanti e piastrelle anti-trauma. I restanti utilizzati per il recupero di energia.

Emissioni ridotte di oltre 46.000 tonnellate di CO2, pari a quelle prodotte da 14.000 veicoli in un anno.

Lo stesso lavoro di recupero di PFU ha anche permesso di risparmiare quasi 300.000 metri cubi d’acqua.

In totale, i PFU raccolti hanno risparmiato al Paese circa 21.000.000 € per importazioni di materia prima evitate.

Insomma un grande risultato che ha trasformato gli Pneumatici in disuso in una risorsa economica.

 

Come azzerare le bollette

E’ possibile azzerare le bollette di luce e gas per famiglie o imprese?

Il mercato di oggi è sempre più competitivo. Le offerte crescono sempre più di numero e ognuna all’apparenza trasmette convenienza, tramite spot, buoni regalo o sconti offerti.

Perchè l’obiettivo finale è sempre il miglior rapporto qualità-prezzo per il cliente.

Anche il settore delle energie rinnovabili è in grande ascesa da qualche anno a questa parte. Si tratta di offerte meno economiche, ma soddisfano un fattore umano di elevato valore: l’ecologia.

Ma alla fine dei conti quasi nessuno ha idea del tipo di servizio che sta acquistando, delle differenze sostanziali tra i diversi gestori e fornitori, e il risultato è quello di comprare alla cieca.

L’energia costa, il gas anche, e alimentare il proprio fabbisogno energetico influisce sui costi mensili di tutte le famiglie italiane.

La risposta finale alla domanda quindi è che non esistono offerte gratuite, ma esistono possibilità di azzerare le proprie bollette.

Come è possibile non pagare le bollette?

Il mondo dell’energia sta vivendo una rapida corsa di sviluppi e progressi da diversi anni:

Eppure il costo energetico oggi è ancora piuttosto alto, nonostante questo grande impegno nello sviluppo di questo settore. Come mai?

come risparmiare sulla bolletta, non pagare bolletta

Le idee circolano velocemente, sicuramente anche grazie al web e ai social network che hanno il potere di rendere virali i contenuti in pochissimo tempo. Proprio grazie a questa diffusione siamo riusciti a risolvere il problema.

Volevamo un modo per risparmiare e abbiamo capito che l’unica spesa che accomuna tutti è quella delle bollette.

Il gruppo di acquisto di ZERO ha quindi creato per tutti la reale opportunità di risparmiare fino al 100% della bolletta, quindi di azzerarla, o addirittura di guadagnare. Ciò che serve è solo cambiare gestore, entrare in un gruppo che porta continuamente risparmio a se stesso, e parlarne con gli altri per far crescere la community.

Proprio così ZERO, dal 1 gennaio 2015 è passata da 0 a decine di migliaia di bollette in pochissimo tempo, sia di luce che di gas.

Come funziona ZERO?non pagare le bollette

Per azzerare le bollette è stato creato un sistema tanto semplice quanto complesso, che garantisce a tutti un risparmio, e ad alcuni l’azzeramento.

Il tutto senza investimenti e con risultati crescenti nel tempo. Inoltre azzerare la bolletta della luce significa anche non pagare più il canone RAI. Puoi dimenticare la tassa meno apprezzata d’Italia, seconda forse solo alle accise sulla benzina.

Inoltre il gestore di ZERO fornisce bollette 2.0, più chiare e comprensibili. Si potranno infatti leggere chiaramente i costi per l’energia, le tasse e le spese pagate sulla stessa, e gli sconti di ZERO accumulati.

Un progetto semplice ma con grandi obiettivi per tutti i suoi aderenti.