La storia del network marketing

La storia del network marketing

Come molti settori, il network marketing ha dovuto evolversi e adattarsi ai cambiamenti nei gusti e nelle tecnologie per rimanere in voga. Tuttavia, il network marketing di oggi sarebbe probabilmente ancora riconoscibile alle persone che lo hanno avviato. Scopri di più sulla storia del network marketing, dai suoi inizi fino ai giorni nostri.

Cos’è il Network Marketing

Prima di lanciarci nella storia del network marketing, è importante capire di cosa si tratta.

Leggi questo articolo per approfondire cos’è il network marketing

In pratica i clienti diventano portavoce di un brand diventando a loro volta distributori per aiutare l’azienda a crescere. L’azienda in cambio li ricompensa con commissioni e piani di carriera oltrea all’esclusiva di vendita: infatti le aziende di network marketing non vendono tramite negozi, partnership o punti vendita ma esclusivamente tramite la rete commerciale. Si può dire però che il network marketing si sia evoluto dalla vendita diretta.

storia vendita diretta

La storia della vendita diretta

La vendita diretta risale a migliaia di anni fa. Praticamente da quando ci sono stati prodotti da vendere e soldi per comprare quei prodotti, c’è stata una qualche forma di vendita diretta.

Un primo esempio di questo tipo di vendita è l’ambulante. I riferimenti ai venditori di questo tipo si ritrovano persino in testi antichi, inclusa la Bibbia. Ci sono anche storie di venditori, che viaggiavano attraverso paesi come l’Inghilterra, vendendo prodotti agli abitanti dei villaggi.

Come si sono evolute le tecniche di Network Marketing?

Non sono solo la struttura aziendale e i metodi di pagamento ad essere cambiati nel tempo. Anche il modo in cui le società di network marketing vendono i loro prodotti è cambiato con la crescita e l’evoluzione del settore.

Nei primi tempi del network marketing e della vendita diretta, il ‘porta a porta’ era la tecnica più comune. I rappresentanti di vendita bussavano alle porte dei potenziali clienti per proporre loro un prodotto o servizio.

storia vendita porta a porta

Sebbene le vendite porta a porta siano meno comuni oggi, non sono svanite completamente. Alcuni rappresentanti continuano a ‘bussare’ alle porte delle persone, sperando di fare una vendita.

Un’altra tecnica oggi più diffusa è quella che approfitta di una struttura scalare e relazionale, come quella resa famosa negli anni ’40 dalla Tupperware. Una persona mette a disposizione la casa ed invita un gruppo di amici ad una dimostrazione. Un rappresentante dell’azienda è lì per dimostrare come funzionano i prodotti e prendere gli ordini. Questo permette di avere un rapporto più diretto con i propri clienti, che sono appunto amici.

Un’altra tecnica che ha guadagnato popolarità tra i network marketer negli anni ’70 è stata l’uso dei cataloghi.
Invece di chiamare direttamente l’azienda per effettuare un ordine, un cliente sceglie cosa comprare tramite il proprio distributore. Quest’ultimo contatta quindi l’azienda per effettuare l’ordine all’ingrosso o distribuisce i prodotti in base al proprio inventario.

Il Network Marketing moderno

Anche se le feste a casa si svolgono ancora oggi e esistono ancora i cataloghi, l’ascesa di Internet ha cambiato il modo in cui le persone vendono con le società di network marketing durante la storia.

Per prima cosa, i clienti possono ora ordinare dai loro rappresentanti di vendita anche a distanza, tramite messaggi o telefonate, e sottoscrivere contratti online. La registrazione con una società network marketing in questi tempi  spesso include l’accesso a una piattaforma web personale, ancora più a portata di mano.

successo network marketing moderno

La vendita di prodotti sfruttando l’online consente ai network marketer di oggi di raggiungere un pubblico più ampio, mentre prima erano generalmente limitati alle loro zone abitative. I migliori network hanno anche dei regolamenti social per aiutare i propri clienti a promuovere il marchio con ogni mezzo di comunicazione moderno.

Leggi questo articolo per scoprire come valutare un Network Marketing

Invece di dimostrazioni casalinghe, sempre più persone offrono ‘eventi’ sui social media. Una tecnica è creare un evento Facebook o Zoom accessibile solo su invito.

Se le persone sono interessate ad un certo prodotto o servizio menzionato in diretta possono commentare o interagire con chi li ha invitati per acquistarlo o entrare a far parte dei clienti testimonial. Il grande vantaggio delle feste sui social media è che i partecipanti possono accedervi da qualsiasi luogo e questo abbatte le barriere spaziali a cui i networker principianti erano soggetti prima della rivoluzione digitale.

Quest’Uomo vuole Chiudere Internet. Ecco Perchè

Si chiama Ajit Pai, fa parte del Governo Americano e vuole farti pagare per ogni sito che visiterai

E se da domani non potessi più usare Google, Facebook, Whatsapp e Instagram?

Questo è il pericolo che aleggia sulla popolazione Americana da qualche tempo a questa parte, e che presto potrebbe coinvolgerci in prima persona.

Ci riferiamo alla Neutralità della Rete, anche detta Net Neutrality. Argomento caldo degli ultimi giorni in quanto a rischio di abolizione.

In parole povere

La Net Neutrality si riferisce alle regolamentazioni che obbligano i fornitori di traffico dati (come Vodafone, Tim, Fastweb ecc) ad offrire la stessa velocità di connessione indipendentemente dal contenuto a cui si accede.

Senza queste regole, le aziende possono introdurre dei pesanti limiti a come navighiamo.

Nell’immagine che segue si vede come sia cambiata la velocità di download di Netflix a seconda del provider di internet americano.

net neutrality america

Proprio a fine gennaio 2014 Netflix ha stretto un costoso accordo con Comcast – una delle 3 principali aziende di telecomunicazioni americane – per non perdere troppa velocità di banda.

Le conseguenze

Nello scenario che l’FCC (Federal Comunication Congress, l’agenzia delle Telecomunicazioni Governativa Americana) sta tentando di perseguire, l’internet per come lo conosciamo non esisterà più.

Ogni sito web che non pagherà una lauta tassa sulla velocità a tutti i fornitori di rete sarà terribilmente lento se non addirittura bloccato del tutto. A noi utenti il costo extra per usufruirne. Il cosiddetto internet a pacchetti.

(qui sotto un valido esempio teorico)

uomo vuole chiudere internet

Può sembrare un’assurdità ma in paesi come la Nuova Zelanda è già così.

Lì, ad esempio, ti conviene chattare con Snapchat o Instagram. Questo perchè Facebook Messenger e iMessage sono bloccati e costano un extra.

Se il mondo non fermerà questa tendenza in tempo l’internet che ci ha fatto prosperare come specie morirà per sempre.

Diventerà ciò che Tim Berners Lee – inventore di Internet – non avrebbe mai voluto.

Firma la petizione

Le Soluzioni

Nonostante ci siano grandi aziende che stanno già creando soluzioni per la Neutralità della Rete, passerà diverso tempo prima di vederle applicate.

Parliamo di Project Loon di GoogleAquila di Facebook e l'”ancor privo di nome”progetto di SpaceX.

L’ultimo in particolare con l’intenzione di lanciare 4.425 satelliti per garantire all’intero globo una copertura ad alta velocità (probabilmente 5G – 10Gb/s), dalla cima dell’Himalaya al centro dell’Oceano Pacifico.

net neutrality america

Queste compagnie, famose proprio per aver sempre donato i loro servizi gratuitamente al pubblico, sono infatti altamente favorevoli alla #netneutrality.

Speriamo che in qualche modo, grazie alla loro importante influenza, riescano a frenare questa temporanea follia del Governo Americano.

Firma la petizione