Il Mercato (NON) tutelato dell’Energia

Nuovi rincari per Luce e Gas dal mese di Ottobre

Nonostante il nuovo rinvio degli aumenti per gli oneri generali imposto dall’ARERA, la spesa per la “famiglia tipo” sta per subire una violenta impennata:

+ 7,6% per l’energia elettrica

+ 6,1% per il gas

Sempre per l’Autorità la spesa annua nel 2018 per l’energia elettrica si attesterà a 552 euro, che tradotto in cifre significa un ulteriore aggravio di oltre 32 euro. Per il gas l’esborso medio sarà invece di 1.096 euro, con un rincaro ancora maggiore: +61 euro, rispetto al 2017. Di certo un panorama non roseo per le famiglie italiane.

Perchè aumentano i prezzi dell’energia?

L’ARERA parla di “tensione dei mercati energetici in Europa”, che in realtà significa che i prezzi della materia prima sono in costante crescita da mesi (circa il 12%); che il fenomeno dell’aumento dei prezzi del gas trasportato via mare sui mercati asiatici che limita in prospettiva l’offerta di gas naturale disponibile per l’Europa non si è arrestato; che sono sempre più rilevanti i permessi di emissione dell’anidride carbonica (+29% solo nell’ultimo trimestre); che lo stop delle centrali nucleari d’oltralpe (dovuto alla manutenzione straordinaria) sta pesando oltre ogni previsione.

Dopo il blocco degli oneri generali di sistema di giugno, l’Autorità ha nuovamente rinviato i rincari, proprio a causa dei prezzi fuori controllo della materia prima di cui sopra. Questa manovra di contenimento farà risparmiare oltre 1 miliardo a tutti gli utenti italiani, ma per quanto tempo si potranno procrastinare questi scatti? In che modo l’ARERA rientrerà del minor introito?

Alla luce di questi rincari e di questa incertezza sarebbe opportuno pianificare alcune semplici mosse per risparmiare.

Il Mercato Libero sta per farti risparmiare un sacco di soldi, ma solo se ti sbrighi

I Rincari del Mercato a Maggior Tutela incentivano i Clienti a passare al Mercato Libero

La chiusura del Mercato di Maggior Tutela è stata rimandata di un altro anno.

Inizialmente prevista per il 1 luglio 2018, era stata rimandata qualche mese fa al 1 luglio 2019 e ora slitta di altri 12 mesi: 1 luglio 2020.

Questo anche perché ancora 20 milioni di soggetti tra privati e Piccole e Medie Imprese non sono ancora passati al Mercato Libero.

Disinformazione, pigrizia o semplice difficoltà a cambiare stanno continuando a rallentare il progresso.

Perché passare al Mercato Libero il prima possibile?

Come già detto in questo articolo chi non fosse passato in tempo al Mercato Libero si ipotizza sarebbe stato inserito nel Servizio di Salvaguardia, decisamente più caro.

I prezzi vertiginosi di questa soluzione collaterale, dovuti principalmente a burocrazia e tassazioni varie, forse avrebbe incentiveranno il passaggio al Mercato Libero.

Ma se un terzo degli Italiani continua ad aspettare l’ultimo momento per cambiare, probabilmente non è un grande incentivo.

Forse lo saranno i significativi rincari nel Mercato di Maggior Tutela dovuti a 5 motivazioni.

+ 6,5% per il gas

+ 8,2% per l’energia elettrica

Il Mercato Libero è quindi definitivamente più conveniente – ora più che mai.

Sperando che chi non ha i mezzi per tenersi informato, come spesso capita alle persone più anziane, venga a conoscenza di questa opportunità e trovi il modo di cambiare senza troppe difficoltà.

La scelta del fornitore di energia

Certo cambiare non è facile per tutti.

Più l’età avanza più la reticenza cresce, e cercare il miglior fornitore tra le centinaia presenti in Italia non è semplice.

Ogni azienda di energia propone una piccola variazione sul prezzo che a fine anno potrebbe farti risparmiare qualche euro, o qualche decina nel migliore dei casi. Ma la ricerca è lunga.

Insieme abbiamo però la straordinaria possibilità di fare squadra, di unire le forze e risparmiare per il nostro futuro.

E in questa missione ci inseriamo dalla testa ai piedi.

ScelgoZero infatti non ha veri concorrenti

In quanto primo e unico progetto in Italia che ti permette di azzerare le bollette per sempre non c’è bisogno di fare paragoni (guarda qualche bolletta azzerata)

Ma oltre al nostro impegno dobbiamo ringraziare l’innovazione. Questa è la chiave che ci ha permesso di cambiare completamente paradigma, di aiutare gli italiani e di portare avanti la promessa del risparmio semplice.

Promessa sempre più attraente in questo confuso mercato pronto a complicarsi ancora di più.