Economia base del Network Marketing

economia base del network marketing

Negli ultimi anni la formula economica del Network Marketing è cresciuta a dismisura anche in Italia, dove ha trovato un terreno fertile anche grazie ai social network. Quella di networker è una vera e propria professione, tanto che ci sono numerosi corsi universitari propedeutici al settore, che oggi genera un fatturato superiore a quello di cinema e musica messi insieme. In questo articolo chiariamo alcuni dubbi sull’economia base del Network Marketing.

Come funziona il network marketing

Non si può affrontare questo argomento senza prima ricordare come funziona. Il Network Marketing, o Multilevel Marketing (MLM), è un sistema di distribuzione dei prodotti basato sul passaparola: sono gli stessi clienti ad invitarne altri, creando un meccanismo a catena grazie al quale chi compra diventa a sua volta divulgatore con una progressione che può portare a guadagnare molto in poco tempo.

Il modello distributivo di questa formula prevede che il venditore si avvalga di una rete commerciale, il network appunto, che consente di diffondere in maniera capillare il brand e il prodotto o servizio proposto, portandolo così all’attenzione di un pubblico crescente.

Attraverso il passaparola con parenti, amici, amici degli amici e conoscenti, le aziende che vendono integratori, cerotti, prodotti di bellezza, materassi, articoli per la casa, energia e ogni altro genere di prodotto o servizio. Noi di ScelgoZero optiamo per un servizio necessario, rivoluzionandolo grazie alla possibilità di azzerare le bollette di luce e gas. Una volta entrati a far parte di questa community si può arrivare a risparmiare fino al 100% delle spese in bolletta, incluso il Canone Rai

Differenze rispetto agli schemi piramidali e alla vendita diretta

È importante non confondere l’economia del Network Marketing con quella degli schemi piramidali. Nel primo infatti l’azienda guadagna principalmente dalla vendita dei suoi prodotti o servizi. Gli schemi piramidali invece, di cui il più famoso è lo schema Ponzi, guadagnano principalmente (o esclusivamente) dal reclutamento di altre persone. Questa pratica commerciale, vietata in Italia dal 2005 ai sensi della legge 173, prevede che i soldi provenienti dalle nuove persone reclutate vengano usati per pagare gli investitori in cima alla piramide.

Il network marketing ha un’identità propria anche rispetto alla vendita diretta, dove il guadagno dei collaboratori è direttamente proporzionale solo ai prodotti o servizi venduti direttamente da ciascun collaboratore.

Il network marketing online e offline, invece, è un sistema legale al 100% in cui si vende un prodotto o servizio, si invitano con il passaparola altre persone ad acquistarlo, e se decidono di collaborare entrano a far parte della propria downline, ovvero una rete di distributori collegata a chi li invita.

Non sono necessari consistenti investimenti iniziali di denaro per l’avvio dell’attività e le possibilità di guadagno vanno abbondantemente oltre le proprie capacità di vendita. Infatti man mano che i propri collaboratori ne inviteranno di nuovi, il ruolo di un networker si avvicinerà sempre di più ad un ruolo di leadership e coordinamento.

Economia base del Network Marketing

Il settore del Network Marketing oggi genera più di 180 miliardi di dollari di fatturato nel mondo e dà lavoro a circa 119 milioni di persone.

Una volta entrato a far parte della community, il nuovo networker può generare guadagni sia dal passaparola diretto che, come già detto, dal coordinamento dei collaboratori attraverso la creazione del proprio team.

Sebbene ogni azienda adotti un piano di compensazione personalizzato per retribuire i propri collaboratori, la chiave del sistema economico del Network Marketing è che oltre a percepire commissioni dalla vendita dei prodotti, il networker ha diritto a commissioni sulle vendite della rete distributiva che egli stesso ha formato e aiutato a crescere.

Appare chiaro come la formazione di altri clienti rivesta enorme importanza per chi lavora nel Network Marketing e come non si possa prescindere dal possedere doti quali serietà, una buona predisposizione alle relazioni interpersonali e la capacità di guidare un gruppo per avere successo. È un sistema meritocratico perché fa strada solo chi porta risultati tangibili in termini di fatturato.

In sostanza, il Network Marketing costituisce un’opportunità lavorativa per chi ha voglia di riscattarsi, dal giovane disoccupato alla neomamma a casa dal lavoro e a chi desidera arrotondare lo stipendio da dipendente con una sorta di secondo lavoro part-time. Un valore aggiunto (non da poco in tempi di pandemia) è quello di poter svolgere la propria attività da casa utilizzando i social network per contattare i potenziali clienti.

E se lo smart working sembra un sogno ad occhi aperti, ancora di più sono le possibilità di guadagno offerte dal Network Marketing a chi ha voglia di impegnarsi.

La storia del network marketing

La storia del network marketing

Come molti settori, il network marketing ha dovuto evolversi e adattarsi ai cambiamenti nei gusti e nelle tecnologie per rimanere in voga. Tuttavia, il network marketing di oggi sarebbe probabilmente ancora riconoscibile alle persone che lo hanno avviato. Scopri di più sulla storia del network marketing, dai suoi inizi fino ai giorni nostri.

Cos’è il Network Marketing

Prima di lanciarci nella storia del network marketing, è importante capire di cosa si tratta.

Leggi questo articolo per approfondire cos’è il network marketing

In pratica i clienti diventano portavoce di un brand diventando a loro volta distributori per aiutare l’azienda a crescere. L’azienda in cambio li ricompensa con commissioni e piani di carriera oltrea all’esclusiva di vendita: infatti le aziende di network marketing non vendono tramite negozi, partnership o punti vendita ma esclusivamente tramite la rete commerciale. Si può dire però che il network marketing si sia evoluto dalla vendita diretta.

storia vendita diretta

La storia della vendita diretta

La vendita diretta risale a migliaia di anni fa. Praticamente da quando ci sono stati prodotti da vendere e soldi per comprare quei prodotti, c’è stata una qualche forma di vendita diretta.

Un primo esempio di questo tipo di vendita è l’ambulante. I riferimenti ai venditori di questo tipo si ritrovano persino in testi antichi, inclusa la Bibbia. Ci sono anche storie di venditori, che viaggiavano attraverso paesi come l’Inghilterra, vendendo prodotti agli abitanti dei villaggi.

Come si sono evolute le tecniche di Network Marketing?

Non sono solo la struttura aziendale e i metodi di pagamento ad essere cambiati nel tempo. Anche il modo in cui le società di network marketing vendono i loro prodotti è cambiato con la crescita e l’evoluzione del settore.

Nei primi tempi del network marketing e della vendita diretta, il ‘porta a porta’ era la tecnica più comune. I rappresentanti di vendita bussavano alle porte dei potenziali clienti per proporre loro un prodotto o servizio.

storia vendita porta a porta

Sebbene le vendite porta a porta siano meno comuni oggi, non sono svanite completamente. Alcuni rappresentanti continuano a ‘bussare’ alle porte delle persone, sperando di fare una vendita.

Un’altra tecnica oggi più diffusa è quella che approfitta di una struttura scalare e relazionale, come quella resa famosa negli anni ’40 dalla Tupperware. Una persona mette a disposizione la casa ed invita un gruppo di amici ad una dimostrazione. Un rappresentante dell’azienda è lì per dimostrare come funzionano i prodotti e prendere gli ordini. Questo permette di avere un rapporto più diretto con i propri clienti, che sono appunto amici.

Un’altra tecnica che ha guadagnato popolarità tra i network marketer negli anni ’70 è stata l’uso dei cataloghi.
Invece di chiamare direttamente l’azienda per effettuare un ordine, un cliente sceglie cosa comprare tramite il proprio distributore. Quest’ultimo contatta quindi l’azienda per effettuare l’ordine all’ingrosso o distribuisce i prodotti in base al proprio inventario.

Il Network Marketing moderno

Anche se le feste a casa si svolgono ancora oggi e esistono ancora i cataloghi, l’ascesa di Internet ha cambiato il modo in cui le persone vendono con le società di network marketing durante la storia.

Per prima cosa, i clienti possono ora ordinare dai loro rappresentanti di vendita anche a distanza, tramite messaggi o telefonate, e sottoscrivere contratti online. La registrazione con una società network marketing in questi tempi  spesso include l’accesso a una piattaforma web personale, ancora più a portata di mano.

successo network marketing moderno

La vendita di prodotti sfruttando l’online consente ai network marketer di oggi di raggiungere un pubblico più ampio, mentre prima erano generalmente limitati alle loro zone abitative. I migliori network hanno anche dei regolamenti social per aiutare i propri clienti a promuovere il marchio con ogni mezzo di comunicazione moderno.

Leggi questo articolo per scoprire come valutare un Network Marketing

Invece di dimostrazioni casalinghe, sempre più persone offrono ‘eventi’ sui social media. Una tecnica è creare un evento Facebook o Zoom accessibile solo su invito.

Se le persone sono interessate ad un certo prodotto o servizio menzionato in diretta possono commentare o interagire con chi li ha invitati per acquistarlo o entrare a far parte dei clienti testimonial. Il grande vantaggio delle feste sui social media è che i partecipanti possono accedervi da qualsiasi luogo e questo abbatte le barriere spaziali a cui i networker principianti erano soggetti prima della rivoluzione digitale.

Intelligenza Artificiale e Network Marketing, settori innovativi

Intelligenza Artificiale e Network Marketing settori innovativi

L’intelligenza artificiale e il Network Marketing sono due settori in rapidissima espansione, di certo alimentata dall’innovazione tecnologica e ancor di più esplosa durante la pandemia.

In questo articolo vedremo le somiglianze tra questi settori distanti e cosa li rende l’opportunità ideale per chi cerca nuove prospettive.

Cosa fa un’azienda di Intelligenza Artificiale?

E’ doveroso specificare che non esistono letteralmente delle aziende di Intelligenza Artificiale come non esistono aziende di Network Marketing. L’AI è uno strumento che alcuni business utilizzano con diversi scopi, così come il Network Marketing è una strategia commerciale per la diffusione di qualsiasi genere di prodotto o servizio.

Per spiegare con semplicità l’Intelligenza Artificiale quindi, si tratta semplicemente uno strumento informatico che inverte il paradigma di apprendimento avvicinandolo a quello umano.

Se quindi i programmi tradizionali erano essenzialmente delle complesse strutture di “se succede questo, allora fai quest’altro”, l’Intelligenza Artificiale usa delle tecniche di Machine Learning, letteralmente apprendimento delle macchine.

Apprendimento delle macchine Machine Learning

Come gli esseri umani imparano a camminare, a parlare e a scrivere per tentativi ed errori, allo stesso modo il machine learning permette alle macchine di apprendere dai dati, solo che ne servono molti, molti, molti di più, e molto più di nicchia.

Questi dati si possono estrarre in diversi modi e in alcuni casi particolari si possono sfruttare dei sistemi per generare dati quasi senza limiti. In questo caso l’AI non sarà limitata dai dati a disposizione ma potrà apprendere senza limiti come un atleta in una stanza del tempo.

La nostra intelligenza è generica e ci permette infatti di apprendere in modo induttivo, ma anche deduttivo. Non vale lo stesso per l’AI che è molto specifica e puramente induttiva. Ma grazie alla disponibilità di dati odierna, a computer sempre più performanti e ad algoritmi di Machine Learning perfezionati negli anni, questo settore innovativo ha visto una crescita esponenziale.

Allo stesso modo è cresciuto il numero di settori e applicazioni, dall’analisi delle vendite per modificare i cataloghi e i prezzi in tempo reale come hanno fatto le compagnie aeree, all’analisi del comportamento degli utenti per suggerire contenuti che aumentino il tempo trascorso su qualsiasi social network.

Ma se in questo settore servono competenze tecniche approfondite e anni di studi, benche si possa lavorare in smart working non è paragonabile al network marketing, che include nella carriera un percorso di formazione professionale, la possibilità di scegliere con chi lavorare, l’opportunità di non mettere un tetto ai propri guadagni  oltre ad innumerevoli vantaggi rispetto ad un lavoro da dipendente.

smart working per settori innovativi

Cosa fa un’azienda di Network Marketing?

Non siamo a conoscenza di aziende che facciano sia Intelligenza Artificiale che Network Marketing, ma i business che usano il Network Marketing per promuoversi possono vendere davvero ogni tipo di prodotto: dalla cosmesi alla nutrizione – di certo le categorie più famose – a prodotti per il sonno ad altri per la salute, prodotti per la casa o per la macchina, per la cucina e per l’igiene, e chi più ne ha più ne metta…

Oggi stanno crescendo anche molti network che vendono servizi, come il cashback, la formazione o l’energia.

Come per le aziende che usano l’Intelligenza Artificiale, i business che tra le altre strategiae commerciali – come la vendita online, tramite social network, tramite punto vendita o per via telefonica – hanno scelto di usare il Network Marketing di sicuro stanno vivendo tempi d’oro.

Con Network Marketing si intende un modello di promozione che prevede la creazione di una rete di distruzione utile a costruire il business stesso.

network marketing smart working innovazione

In poche parole, ogni cliente soddisfatto viene remunerato per il suo passaparola. Quanto? Dipende dal suo impegno e da quanti nuovi clienti riuscirà a trasformare in testimonial.

Attenzione però alle aziende che basano i loro guadagni esclusivamente sul reclutamento di altri venditori piuttosto che sulla vendita diretta di servizi. In Italia un’attività del genere è considerato illegale in quanto assimilabile ad un sistema piramidale. Leggi questo articolo sulle differenze per approfondire.

Come l’Intelligenza Artificiale e l’energia nucleare anche il Network Marketing è uno strumento che può essere usato bene o male, può portare abbondanza diffusa o miseria, distribuzione o accentramento. Per questo è importante sapere come scegliere un buon network marketing.

E in questo periodo di isolamento, di crisi economica e di paura per il futuro, proprio chi saprà cogliere le opportunità ne uscirà vincitore.

Grazie all’innovazione alcuni Network sono riusciti a superare il limite fisico e hanno iniziato ad operare online tramite le videochiamate a cui tutti siamo sempre più abituati. Questo ha permesso di salire su una nuova curva di crescita dimostrando quanto il Network Marketing sia solo all’inizio della sua diffusione.

network marketing innovativo

In ScelgoZero ad esempio in sole 3 settimane abbiamo migrato tutto l’operato sul web, abbiamo avviato un’accademia online per formare i nostri collaboratori e questo ci ha permesso di aumentare la frequenza e la mole di contenuti distribuiti, ad un maggior numero di persone e ad un uminor prezzo, a beneficio dei collaboratori, sempre di più, così come del fatturato in forte crescita.

Allo scoppio della bolla delle dot.com sono fallite tante aziende, ma alcune sono sopravvissute e cresciute, le stesse che oggi tutti conosciamo come Paypal, Amazon, Netflix. In questo periodo di equivalente implosione economica ci sono solo due cose a cui aggrapparsi: le aziende che crescono in un mondo che crolla, e le proprie forze.

La tua bolletta è un bagno di sangue? Azzerala con la vendita diretta!

La tua bolletta è un bagno di sangue

In questo terrificante periodo degli (h)orrori i costi in bolletta continuano a salire, un classico scherzetto autunnale.

Per fortuna ZERO, il principale network marketing in Italia che si occupa di vendita diretta di energia elettrica e gas, ti permette di risparmiare davvero.

Grazie alla tenebrosa formula di ZERO infatti, il team di spaventosi collaboratori e consulenti sono capaci di presentare i dolcissimi sconti di ZERO per azzerare la bolletta

Ma cosa significa esattamente vendita diretta? Perché preferire un’azienda specializzata in questo tipo di marketing piuttosto che una compagnia tradizionale?

I punti elettrizzanti di ZERO

  • magico risparmio economico con sconti crescenti
  • assistenza telefonica italiana
  • consulente sempre a disposizione per aiutarti a risparmiare
  • applicazione spettrale

halloween scelgozero

Missione: risparmiare con divertimento

A differenza di quanto succede con una compagnia di luce e gas tradizionale, Zero pensa e realizza per i suoi consumatori un’applicazione web facile e intuitiva ma soprattutto coinvolgente e divertente.

Affinché si possa ricevere solo il meglio dei vantaggi promessi dall’applicazione, è fondamentale ricordare di accedervi ogni notte e dimostrare così di essere un cliente attivo nella community della nostra grande famiglia.

Inoltre, una volta registrate le tue utenze di casa o azienda inizierai subito ad essere premiato con punti da convertire in terribili sconti, e invitando i tuoi amici in ZERO potrai notare subito quanto i costi delle bollette di luce e gas inizieranno piacevolmente a svanire.

E’ il miglior metodo per risparmiare sempre di più e soprattutto in modo continuativo anche dopo la morte, al contrario della maggior parte delle compagnie che ti fanno pagare anche sottoterra.

Più cadaveri porti e più sconti riceverai, per sempre e senza nessun limite al numero di amici che potrai invitare!

Poiché con ZERO il divertimento e i premi per i clienti più fedeli sono davvero all’ordine del giorno, ogni 8 ore si potrà aprire un pacchetto regalo dove si otterranno punti XP per vincere la classifica mensile.

I nostri clienti più costanti nell’utilizzo dell’applicazione potrebbero addirittura scoprire di essersi posizionati tra i primissimi posti e vincere molti punti extra e buoni Amazon!

porta un amico scelgozero halloween

L’amicizia vale: l’importanza del passaparola

Ogni giorno trascorriamo ore e ore a parlare con chi conosciamo, incontriamo nuove persone, raccontiamo agli amici delle nostre esperienze positive e negative e soprattutto ci teniamo a renderli partecipi di scoperte capaci di migliorare qualitativamente la nostra vita: il passaparola è lo strumento più forte ed efficace di cui ognuno di noi dispone ed è il tuo più grande alleato per ottenere risparmi sempre maggiori e duraturi per te e la tua famiglia.

Uno dei vantaggi maggiori del portare i tuoi contatti a far parte della community Zero è quello di poter risparmiare tutti i mesi.

Grazie agli amici di sangue e ai loro, potrai assicurarti sconti mensili garantiti!

5 miti da sfatare per il networker principiante

5 miti da sfatare per il networker principiante

Quando si pensa ad un modo per usare internet e guadagnare, network marketing e vendita diretta sono senza dubbio le aree che offrono più opportunità di lavoro, ma anche quelle con più miti.

Nonostante ciò, purtroppo, molte persone rifiutano a priori questo tipo di occupazione. Ciò accade a causa dei numerosi pregiudizi che nel tempo si sono creati, ma anche della poca conoscenza effettiva su cosa è il network marketing e come realmente funziona.
Dunque come fare network marketing partendo da zero? Conviene veramente?

5 miti da sfatare

Per iniziare a fare chiarezza è bene partire dalle basi, approfondendo i 5 miti da sfatare per il networker principiante.

strategie network marketing

  1. Il network marketing è una truffa

Questa è una delle frasi che più frequentemente si sente dire in giro a riguardo di questo tipo di occupazione.

Ad onor del vero, è bene chiarire che effettivamente sono esistite e ancora esistono realtà poco trasparenti, ma si tratta di casi singoli, non sufficienti a categorizzare come criminali tutti coloro che si occupano di questo settore.

La vera industria del network marketing esiste alla luce del sole da più di 60 anni, con un fatturato di tutto rispetto.

Bisogna darsi da fare, questo è vero, ma i risultati ci sono e sono tutti perfettamente in linea con la legge e con i meriti personali del networker.

  1. Non bisogna fidarsi degli schemi piramidali

Verissimo! Tra i miti del networker questo è forse il meno irrealistico.

Il termine schema piramidale ha un significato molto preciso per la legge italiana ed è associato agli schemi Ponzi – clicca qui per approfondire – assolutamente illegali in quanto generano profitto per arruolamento e non per la vendita di un prodotto o servizio di valore.

Il Network Marketing invece, benchè in senso lato sia anch’esso “piramidale” come ogni organizzazione, è tutta un’altra storia.

Dalla scuola alla chiesa a un qualsiasi posto di lavoro, chi si trova in “alto” è lì perchè ha acquisito le conoscenze e le abilità per guidare e motivare chi è appena entrato o chi si sta applicando.

L’unica differenza è che qui la meritocrazia conta davvero e la raccomandazione non trova spazio.

  1. Bisogna assillare tutti per riuscire a ricavare due soldi

Questo è forse il mito del network marketing che ancora oggi non è stato risolto dalla maggior parte di chi ci lavora!

Non c’è modo migliore per fallire che buttare a caso nel mucchio ed insistere fino allo sfinimento.

amici network marketing

Il metodo per ottenere delle vittorie nel network marketing è puntare al lungo termine.
Questo vuol dire impegnarsi per trovare la propria nicchia, cioè quelle persone che si fidano e che chiameranno per tutti gli acquisti futuri.

Correre come un matto a destra e a sinistra, proponendo con insistenza il prodotto non solo farà scappare le persone, ma darà al networker una pessima fama che ostacolerà la sua carriera.

  1. Bisogna solo trovare un paio di persone che lavorino sotto e che facciano altrettanto

Seguendo la stessa filosofia della clientela, anche in questo caso sparare nel mucchio diventa controproducente.

Ciò che realmente serve è selezionare altre persone motivate ed interessate ad una collaborazione, in modo tale da avere la loro presenza anche nel tempo.

Allo stesso tempo, fermarsi a due persone è certamente poco saggio, perchè se loro per qualche motivo dovessero mollare ci sarebbe un crash nel sistema del networker.

  1. Guadagna solo chi sta in cima

Nelle aziende network marketing guadagna solo chi si impegna.

Con questo si vuole intendere la formazione di una buona tecnica, una strategia vincente e la ricerca dei contatti giusti.

vertice network marketing

Chi sta in alto è nel giro solitamente da molto tempo ed ha sviluppato una buona conoscenza del mercato che tratta. Si prende cura dei collaboratori e li aiuta spronandoli e motivandoli.
Si trova quindi più in alto chi se lo è guadagnato.
Ciò non toglie che a tutti i livelli è presente un guadagno, sempre rapportato alla produzione personale.

Conclusioni

Questi 5 miti, adesso sfatati, aiutano a capire che il network marketing è un lavoro che richiede impegno, ma che ripaga.
Il consiglio è di tenere sempre in mente i concetti fino ad ora espressi quando si ha a che fare con proposte di lavoro in tale ambito, proprio per scartare coloro che, spacciandosi per networker seri, offrono guadagno facile con il minimo sforzo.
Impegno, dedizione e tecnica sono le parole chiave per ottenere il massimo da questo mondo.